martedì 1 giugno 2021

Dichiarazione sull'isolamento dei virus

Dichiarazione sull'isolamento dei virus (SOVI)

Isolamento: l'azione di isolare; il fatto o la condizione di essere isolato o di stare da solo; separazione da altre cose o persone; solitudine.

- Dizionario inglese di Oxford
La controversia sul fatto che il virus SARS-CoV-2 sia mai stato isolato o purificato continua. Tuttavia, utilizzando la definizione di cui sopra, il buon senso, le leggi della logica e i dettami della scienza, qualsiasi persona imparziale dovrebbe giungere alla conclusione che il virus SARS-CoV-2 non è mai stato isolato o purificato. Di conseguenza, non è possibile trovare alcuna conferma dell’esistenza del virus. Le conseguenze logiche, di buon senso e scientifiche di questo fatto sono:
  • la struttura e la composizione di qualcosa di cui non è stata dimostrata l’esistenza non possono essere conosciute, inclusa la presenza, la struttura e la funzione di qualsiasi ipotetico picco o altre proteine;
  • la sequenza genetica di qualcosa che non è mai stato trovato non può essere conosciuta;
  • “Varianti” di qualcosa di cui non è stata dimostrata l’esistenza non possono essere conosciute;
  • è impossibile dimostrare che la SARS-CoV-2 causa una malattia chiamata Covid-19.
Nel modo più conciso possibile, ecco il modo corretto per isolare, caratterizzare e dimostrare un nuovo virus. Innanzitutto, si prelevano campioni (sangue, espettorato, secrezioni) da molte persone (ad esempio 500) con sintomi che sono abbastanza unici e specifici da caratterizzare una malattia. Senza mescolare questi campioni con QUALSIASI tessuto o prodotto che contenga anche materiale genetico, il virologo macera, filtra e ultracentrifuga cioè purifica il campione. Questa comune tecnica virologica, utilizzata da decenni per isolare i batteriofagi1 e i cosiddetti virus giganti in ogni laboratorio di virologia, consente al virologo di dimostrare con il microscopio elettronico migliaia di particelle di dimensioni e forma identiche. Queste particelle sono il virus isolato e purificato.

Queste particelle identiche sono poi testate per l'uniformità usando tecniche fisiche e/o microscopiche. Una volta determinata la purezza, le particelle possono essere ulteriormente caratterizzate. Questo includerebbe l'esame della struttura, della morfologia e della composizione chimica delle particelle. Successivamente, la loro composizione genetica viene caratterizzata estraendo il materiale genetico direttamente dalle particelle purificate e utilizzando tecniche di sequenziamento genetico, come il sequenziamento Sanger, che esiste già da decenni. Poi, si fa un'analisi per confermare che queste particelle uniformi sono di origine esogena (esterna) come viene concettualizzato un virus, e non i normali prodotti di degradazione dei tessuti morti e morenti.2 (A maggio 2020, sappiamo che i virologi non hanno avuto modo di determinare se le particelle che vedono sono virus o semplicemente normali prodotti di degradazione dei tessuti morti e morenti). 3.

1 Isolation, characterization and analysis of bacteriophages from the haloalkaline lake Elmenteita, KenyaJuliah Khayeli Akhwale et al, PLOS One, Published: April 25, 2019. https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0215734 — accessed 2/15/21
 

2 “Extracellular Vesicles Derived From Apoptotic Cells: An Essential Link Between Death and Regeneration,” Maojiao Li1 et al, Frontiers in Cell and Developmental Biology, 2020 October 2. https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fcell.2020.573511/full — accessed 2/15/21
 

3 “The Role of Extracellular Vesicles as Allies of HIV, HCV and SARS Viruses,” Flavia Giannessi, et al, Viruses, 2020 May

Se siamo arrivati a questo punto, abbiamo completamente isolato, caratterizzato e sequenziato geneticamente una particella virale esogena. Tuttavia, dobbiamo ancora dimostrare che è causalmente correlato a una malattia. Ciò viene effettuato esponendo un gruppo di soggetti sani (di solito si usano animali) a questo virus isolato e purificato nel modo in cui si pensa che la malattia venga trasmessa. Se gli animali si ammalano della stessa malattia, come confermato dai risultati clinici e dell’autopsia, si è ora dimostrato che il virus causa effettivamente una malattia. Ciò dimostra l’infettività e la trasmissione di un agente infettivo. Nessuno di questi passaggi è stato nemmeno tentato con il virus SARS-CoV-2, né tutti questi passaggi sono stati eseguiti con successo per alcun cosiddetto virus patogeno. La nostra ricerca indica che un singolo studio che mostra questi passaggi non esiste nella letteratura medica. Invece, dal 1954, i virologi hanno prelevato campioni non purificati da poche persone, spesso meno di dieci, con una malattia simile. Quindi elaborano minimamente questo campione e inoculano questo campione non purificato su colture di tessuti contenenti solitamente da quattro a sei altri tipi di materiale, che contengono tutti materiale genetico identico a quello che viene chiamato un “virus”. La coltura tissutale è affamata e avvelenata e si disintegra naturalmente in molti tipi di particelle, alcune delle quali contengono materiale genetico. Contro ogni buon senso, logica, uso della lingua inglese e integrità scientifica, questo processo è chiamato “isolamento del virus”. Questa miscela contenente frammenti di materiale genetico proveniente da molte fonti viene quindi sottoposta ad analisi genetica, che crea poi in un processo di simulazione al computer la presunta sequenza del presunto virus, un cosiddetto genoma in silico. In nessun momento un virus reale è stato confermato dalla microscopia elettronica. In nessun momento un genoma è stato estratto e sequenziato da un vero virus. Questa è una frode scientifica. L’osservazione che il campione non purificato – inoculato su colture tissutali insieme ad antibiotici tossici, tessuto fetale bovino, liquido amniotico e altri tessuti – distrugge il tessuto renale su cui è inoculato, viene data come prova dell’esistenza e della patogenicità del virus. Questa è una frode scientifica. D’ora in poi, quando qualcuno ti da un documento che suggerisce che il virus SARS-CoV-2 è stato isolato, controlla le sezioni dei metodi. Se i ricercatori hanno utilizzato cellule Vero o qualsiasi altro metodo di coltura, sai che il loro processo non è stato l’isolamento. Sentirai le seguenti scuse per spiegare perché l’effettivo isolamento non è stato fatto:
  1. Non c’erano abbastanza particelle di virus trovate nei campioni dei pazienti da analizzare. I virus sono parassiti intracellulari; non possono essere trovati fuori dalla cella in questo modo.
  2.  Se l’affermazione numero 1 è corretta e non riusciamo a trovare il virus nell’espettorato dei malati, allora su quali prove riteniamo che il virus sia pericoloso o addirittura letale? Se la numero 2 è corretta, come si diffonde il virus da persona a persona? Ci viene detto che emerge dalla cellula per infettare gli altri. Allora perché non è possibile trovarlo?
Infine, mettere in discussione queste tecniche e conclusioni virologiche non è una distrazione o una questione di divisione. Far luce su questa verità è essenziale per fermare questa terribile frode che l’umanità sta affrontando. Perché, come ora sappiamo, se il virus non è mai stato isolato, sequenziato o dimostrato, che sia causa di malattie, se il virus è immaginario, allora perché indossiamo maschere, allontaniamo socialmente e mettiamo il mondo intero in prigione? 
Infine, se i virus patogeni non esistono, cosa sta succedendo a quei dispositivi iniettabili chiamati erroneamente “vaccini” e qual è il loro scopo? 
Questa domanda scientifica, è al momento, la più urgente e rilevante che poniamo alla comunità scientifica mondiale. Abbiamo ragione. Non esiste un virus SARS-CoV2.
Sally Fallon Morell

Sally Fallon Morell, MA

Thomas Cowan

Dr. Thomas Cowan, MD

Andy Kaufman

Dr. Andrew Kaufman, MD


 

Nessun commento:

Posta un commento

Emancipare la massoneria utilizzando la cabala

Emancipare la massoneria con l'uso della cabala di M.S., 1 ottobre 2021 E' possibile introdurre una valuta massonica per liberare le...